Medicina Sessuale

La Medicina Sessuale studia gli effetti negativi che una patologia organica può avere sui genitali e offre una terapia con farmaci che facilitano la risposta sessuale.

Per gli uomini abbiamo farmaci come Sildenafil, Tadalafil e Vardenafil che sostengono l’erezione e sono indicati per una patologia che danneggi il meccanismo erettile, come nel caso di diabete, ipertensione, problemi neurologici o vascolari. Il loro uso associato alla terapia comportamentale consente di migliorare la capacità erettile e la vita intima della coppia. La dapoxetina, invece, migliora il controllo dell’orgasmo nell’eiaculazione precoce (EP) ed è indicata per pazienti che abbiano bisogno del sostegno farmacologico per affrontare il trattamento comportamentale.

Gli psicofarmaci vengono usati quando ci troviamo in presenza di un disturbo dell’umore che è riconosciuto come causa ricorrente della perdita del desiderio sessuale in uomini e donne. Anche nel caso dei disturbi della sessualità femminile, è ormai convinzione di molti terapeuti che più metodiche associate garantiscano una maggior efficacia perché permettono di agire su più cause contemporaneamente.

Per la mia esperienza di ginecologo, sono solita associare una terapia ormonale sostitutiva all’intervento comportamentale per le pazienti con dolore genitale o sessuale. I farmaci sono utili specialmente per le pazienti giovani in menopausa chirurgica o iatrogena.